Il mais nelle campagne clarensi

  • Fabrizio Costantini

Abstract

Dopo la scoperta dell’America e la sua importazione in Europa, già dal 1550 il mais viene coltivato nella Repubblica di Venezia principalmente a scopo di studio (erbario) da botanici e curiosi e, successivamente, nei campi. Per qualche tempo il mais rimane una coltura da orto con cui alimentare il bestiame di corte, ma il suo uso nella alimentazione umana è attestato dal 1556. La sua coltivazione viene documentata nel Bergamasco, allora sotto il dominio di Venezia, nel 1632. A Milano, una grida del 1649 dispone l’apertura del mercato al commercio del mais per contrastare la penuria di altri grani.

E nel Bresciano? La ricerca di Fabrizio Costantini traccia la storia della diffusione del mais nei nostri territori e offre interessanti elementi di studio sulla coltivazione del “formentone” nelle campagne clarensi.

L’immagine è tratta da Histoire naturelle, agricole et économique du Maïs par Matthieu Bonafous, 1836.

Pubblicato
2018-12-02